Si è da poco concluso presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia di Genova il Convegno Annuale dell’AMAL che trattava le “Malattie Cardiovascolari in Medicina integrata”. L’evento ha riscosso un grande successo grazie anche alla selezione di eccezionali relatori di fame internazionale.

 

La giornata è stata inaugurata dal Dott. Fontanini, direttore scientifico dell’AMAL che ha introdotto gli argomenti del congresso e reso omaggio al Dott. Marco Romoli che ci ha lasciati quest’anno.

Proprio in suo onore il Dott. Siragusa ha affrontato il tema dell’agopuntura auricolare come diagnosi e terapia del sistema cardiovascolare; a seguire il Dott. Menichelli – Presidente AIA ha analizzato la claudicatio intermittens portando alcuni esempi di casi clinici da lui analizzati.

 

Il Direttore dell’ambulatorio di agopuntura de Fatebenefratelli di Roma, Dott. Visconti ha portato la sua esperienza sulla fisiopatologia del sangue in Medicina Cinese lasciando poi la parola al Dott. Sblendorio che ha criticamente analizzato l’importanza dell’idratazione e del giusto apporto di sali minerali sull’apparato cardiovascolare.

Il Dot. Corbellini, docente dell’Università di Pavia, ha condiviso la sua esperienza sull’uso della diapasonagopuntura su alcuni pazienti cardiovascolari. Subito dopo il Dott.Abbiati ha condiviso la sua esperienza personale di paziente con deficit cardiovascolare ed ha portato l’attenzione sull’importanza dell’abbassamento dei fattori di rischio come cura e prevenzione. Ha concluso la prima parte della giornata il Dott. Piterà che con grande mastria ha affrontato il tema della gemmo e fitoterapia.

 

Il pomeriggio è iniziato con il Dott. Primitivo ha spiegato come la cromopuntura possa aiutare nella terapia delle malattie cardiovascolari; il Dott. Cracolici – Vicepresidente FISA e Direttore della Scuola di Agopuntura di Firenze, ha riportato l’esperienza dell’uso dell’agopuntura e della moxa in oncologia nell’ospedale pubblico di Pitigliano-Grosseto lasciando poi la parola al Dott. Natour , presidente AMAL e consigliere regionale FISA, cha ha coinvolto il grande pubblico nell’applicazione delle tecniche energetiche di sblocco emotivo istantaneo raccontandone la storia e l’utilizzo per le diverse problematiche personali.

 

La Dott.sa Gulì ha spiegato come attraverso i meridiani Luo sia possibile influenzare in modo significativo le patologie dei canali principali relazionati alle malattie cardiovascolari; il Dott. Albiani – Docente di Tuina e Qigong della Fistq, ha parlato del cuore del daoismo mettendo alla prova i partecipanti con semplici ed esemplificativi esercizi.

La giornata è stata intesa e ricca di spunti di riflessione che hanno dato vita ad una stimolante tavola rotonda di confronto e sviluppo sulla Medicina Integrata e la sua importanza per il benessere del paziente. 

 

L’appuntamento è per l’anno prossimo, sempre a Genova, per affrontare assieme le tematiche della Ginecologia ed Urologia in Medicina Integrata. 

 

Vi rimandiamo qui, per il programma e gli interventi della giornata.