Come mantenere la salute in sintonia con l'ambiente, le stagioni, l'età, la costituzione grazie all'informazione dell'alimento jing, natura, sapori 

L’alimentazione come mediazione tra l’uomo e l’ambiente

“L’uomo è nutrito dai soffi del cielo e dai sapori della terra” è un microcosmo in interdipendenza con il macrocosmo assoggettato alle stesse leggi.

L’uomo come struttura energetica in armonia con l’ambiente deve assumere dall’ambiente gli alimenti che gli permettono di mantenere questa struttura.

Gli alimenti e l’aria trasferiscono all’uomo il loro potenziale energetico (yin) che l’uomo trasforma con i propri processi metabolici (yang) in un Qi fruibile dall’organismo.   L’alimento è anche vettore di una informazione energetica specifica della situazione spazio temporale in cui si sviluppa e cresce.

Il prodotto della natura diventa punto di contatto e vettore di armonizzazione con la situazione energetica da cui proviene: il germoglio, acido, soggetto alle influenze cosmiche  dello Yang nascente lo trasmette all’organismo, cosi’ come il frutto maturo  dolce dell’autunno ha la capacità umidificante dello yin.

I cinque sapori ,distribuiti nella natura, sono potenziali chiavi di attivazione dei cinque organi,  nutrirsene in modo equilibrato è nutrirsi della totalità delle energie del mondo e del suo equilibrio.

 L’alimentazione può essere prevenzione, cura o  malattia

Il cibo secondo la Medicina Cinese è la radice della salute cioè della produzione del QI .

In occidente l’abbondanza di cibo , la globalizzazione dei prodotti disponibili grazie ai trasporti rapidi, alla tecniche di conservazione, hanno indotto un rapporto con l’alimento distante dal contatto con la produzione, con la natura con le stagioni.  La dieta è spesso intesa come restrizione anziché come nutrimento di corpo e spirito;  dispersione anzichè tonificazione. .

Il nostro corpo, anziché percepire il fisiologico senso della fame e della sazietà stimolato dalle necessità energetiche, è soggetto alle influenze del bisogno indotto e dal tentativo di colmare con il cibo altre mancanze.

L’appetito ,che per la medicina cinese è un sintomo di buon funzionamento della milza , viene vissuto in occidente come una manifestazione da neutralizzare.
La dietetica e la dietoterapia sono un continuum con la farmacoterapia cinese  spesso sono gli stessi costituenti in dosi differenti , l’alimento è essenzialmente fonte di nutrimento, il rimedio è piu’ potente e puo’ quindi correggere gli squilibri ma non può nutrire.